il sito dedicato alla cedolare secca sugli affitti

Requisiti soggettivi

cedolare secca


I requisiti soggettivi necessari per applicare l'imposta piatta denominata cedolare secca

Il regime sostitutivo della cedolare secca può essere applicato se sussistono determinati requisiti soggettivi ed oggettivi. In generale, per quanto attiene all'ambito soggettivo, la possibilità di esercitare l'opzione per il regime facoltativo della cedolare secca è riservata alle persone fisiche titolari del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento di unità immobiliari locate per uso abitativo, purché non agiscono nell'esercizio di un'attività di impresa, arte o professione.

Possono dunque accedere al regime agevolato della cedolare secca esclusivamente le persone fisiche che percepiscono redditi da locazioni per uso abitativo non effettuate nell'esercizio di un'impresa o di una libera professione.

Il comma 1 dell'articolo 3 del DLgs n. 23/2011 dispone che possono accedere al regime della cedolare secca "Il proprietario o il titolare di diritto reale di godimento di unità immobiliari abitative locate ad uso abitative".

Può pertanto optare per la cedolare secca la persona fisica che possiede unità immobiliari a titolo di:

  1. proprietà;
  2. altro diritto reale di godimento (ad esempio l'usufrutto, che in concreto è il diritto reale di godimento di maggior interesse, l'uso, il diritto di superficie).

Se l'unità immobiliare concessa in locazione ad uso abitativo appartiene a più persone, l'opzione per la cedolare secca deve essere esercitata da ciascun comproprietario (dal 1° aprile 2014 obbligatoriamente all'interno del modello RLI).

Il provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate prot. 2011//55394 del 7 aprile 2011 conferma al punto 1.1 che

1.1. Soggetti interessati all’opzione
L’opzione per l’applicazione del regime della cedolare secca di cui all’articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 può essere esercitata dal locatore, persona fisica, proprietario o titolare di diritto reale di godimento di unità immobiliari abitative locate.

Lo stesso Provvedimento dispone in caso di comproprietari dello stesso immobile

5.1. Esercizio dell’opzione
Qualora vi siano due o più locatori, persone fisiche titolari del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento sull’immobile ad uso abitativo e delle relative pertinenze locate congiuntamente all’abitazione, l’opzione deve essere esercitata distintamente da ciascun locatore, compilando l’apposito modello di cui al punto 8.1, ove sussistano le condizioni per il suo utilizzo, ovvero mediante il modello di cui al punto 8.2.
L’opzione esplica effetti solo in capo ai locatori che l’hanno esercitata.

 matita Come prevede il comma 6 dell'articolo 3 del D.Lgs n. 23/2011, i soggetti che affittano immobili ad uso abitativo nell'esercizio dell'attività di impresa o di arti e professioni non possono optare per il regime della cedolare secca.