Cedolare secca

il sito dedicato alla cedolare secca sugli affittiLa cedolare secca sugli affitti, in vigore dal 2011, ha prodotto nel corso di questi ultimi anni un interesse sempre più crescente tra i proprietari di immobili destinati alla locazione per uso abitativo, mentre ancora non si intravede uno spiraglio per ampliare la cedolare secca anche alle locazioni per uso commerciale.

Fatemi spiegare in sintesi cos'è la cedolare secca: la cedolare secca è un regime di tassazione sugli affitti facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali e che sottrae le parti dall’obbligo di versare l’imposta di registro e l’imposta di bollo dovute per registrazioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione (ad eccezione di quelle dovute in caso di cessione del contratto).

Il legislatore ha consentito di applicare la cedolare secca anche ai contratti di locazione per i quali non sussiste l’obbligo di registrazione (art. 3, comma 2 D.Lgs. n. 23/2011, locazioni turistiche, ad esempio) ed al riguardo il locatore comunica la sua intenzione di applicare la cedolare secca all’Agenzia delle Entrate direttamente in sede di dichiarazione dei redditi (salvo il caso in cui il locatore, pur non essendo obbligato, provvede alla registrazione del contratto).

novità cedolare secca La novità più importante del 2018 è la possibilità di usufruire dell'aliquota agevolata per la cedolare secca del 10% per ulteriori due anni.

L'opzione per la cedolare secca da parte del locatore comporta l'applicazione di una imposta sostitutiva dell'IRPEF, delle addizionali regionale e comunale nelle seguenti misure:

  1. 21% sui canoni relativi a tutti i contratti di locazione (con esclusione dei contratti a canoni concordati), compresi quelli non soggetti a registrazione (locazioni brevi con durata inferiore ai 30 giorni complessivi nell'anno);
  2. 10% relativamente al biennio 2018-2019 sui canoni relativi ad immobili locati a canone concordato stipulati ai sensi dell'articolo 2, comma 3 della legge n.431/1998.
raccomandata all'inquilino

L'applicazione del sistema di tassazione denominato cedolare secca obbliga il locatore ad esercitare una specifica opzione. Infatti le disposizioni normative richiedono una comunicazione preventiva all'inquilino, con lettera raccomandata, a pena di inefficacia dell'opzione stessa. Nell'ipotesi di comproprietà dell'immobnile locato l'opzione può essere esercitata disgiuntamente da ciascun proprietario ed esplica effetti solo in capo ai locatori che l'hanno esercitata.

L'invio della raccomandata all'inquilino costituisce dunque un punto importante per l'esercizio dell'opzione per la cedolare secca.

Come clienti dello studio, potete scaricare diversi facsimile di contratti di locazione per uso abitativo con apposita clausola per la cedolare secca.

Cedolaresecca.net ha aperto anche una pagina ad hoc anche su Facebook, dove è possibile discutere con altri utenti sulle problematiche dei contratti di locazione soggetti a cedolare secca.

Per i contratti di locazione a canone concordato, soggetti o non soggetti a cedolare secca, occorre obbligatoriamentte la certificazione di una delle Associazioni firmatarie degli accordi locali (contratti di locazione della durata minima di 3 anni + 2, contratti transitori in Comuni con più di 10mila abitanti, contratti per studenti universitari).
scarica la risposta del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a seguito di un quesito posto da Confabitare.I locatori hanno l’obbligo di acquisire la sopra citata attestazione, anche per poter dimostrare all’Agenzia delle Entrate, in caso di verifica fiscale, la correttezza delle agevolazioni utilizzate (si pensi, ad esempio, all’applicazione dell’aliquota del 10% in caso di cedolare secca, o la riduzione del 30% del reddito effettivo in caso di tassazione ordinaria IRPEF).

IN CASO DI
EMERGENZA
WHATSAPP +393339031308

Risparmio fiscale

La cedolare secca è un regime facoltativo di tassazione dei redditi derivanti dalla locazione per uso abitativo, in alternativa a quello ordinario. La cedolare secca si pone l'obiettivo di ridurre la pressione fiscale sulle locazioni di immobili e dare un contenuto certo alla loro tassazione: il tutto al fine di rendere più semplici e meno onerosi gli adempimenti che gravano su tutti coloro che concedono legalmente il proprio immobile per uso abitazione.

Tuttavia moltissimi locatori, muovendosi in un campo spesso di difficile interpretazione (quello fiscale), commettono una serie di errori per la scelta tra tassazione ordinaria Irpef e tassazione a cedolare secca.

Chi continua a pagare di più quando invece potrebbe risparmiare con la cedolare secca, chi, invece, opta per la cedolare secca quando dovrebbe rimanere in tassazione ordinaria, chi applica un'aliquota inferiore, chi si dimentica di inviare la raccomandata all'inquilino e tante altre "amenità", insomma, ci sono molti locatori che, pur di non pagare l'assistenza professionale, vanno incontro a successivi maggiori costi per errori e/o omissioni.


le sei regole per un contratto a cedolare secca Per favorire le migliaia di locatori che visitano questo sito dedicato alla cedolare secca, abbiamo reso disponibile il facsimile di contratto di locazione con apposita clausola per l'opzione della cedolare secca. Questa tipologia di contratto di locazione rispetta le sei regole fondamentali per una corretta predisposizione.

Conosci le sei regole fondamentali?

I locatori che predispongono contratti a cedolare secca senza l'ausilio di un professionista sono tantissimi, ma sono anche tantissimi gli errori che gli stessi commettono! Sei proprio sicuro di utilizzare un contratto di locazione con cedolare secca predisposto a regola d'arte? Magari hai appena scaricato da Internet il primo che ti è capitato? Senza neppure chiederti se vada bene o meno?

Irpef o cedolare secca?
La convenienza alla cedolare secca...

Aliquote della cedolare secca
Quali sono le aliquote della cedolare secca attualmente in vigore.

Raccomandata all'inquilino
La comunicazione all'inquilino per l'opzione della cedolare secca.

FAQ
La lista FAQ in tema di cedolare secca

Aggiornamenti

Le informazioni sul sistema di tassazione denominato cedolare secca contenute nel presente sito sono state predisposte da Studio Polli come ulteriore servizio reso ai nostri clienti. Esse costituiscono solo una introduzione generale alla materia della tassazione sostitutiva dei redditi fondiari con il sistema della cedolare secca e pertanto si raccomanda di richiedere un parere riferito al concreto caso di specie prima di prendere qualsiavoglia provvedimento basato sulle informazioni qui contenute. L'autore declina ogni responsabilità da eventuali provvedimenti presi o non presi sulla base di quanto riportato nel sito.In ogni caso le informazioni contenute nel presente sito web vengono pubblicate al solo fine informativo e gratuito, non costituiscono consulenza professionale di alcun tipo e non vincolano in nessun modo l’autore. Esse sono state formulate attenendosi alla normativa vigente al tempo della pubblicazione. Se non ritenete opportuno richiederci una consulenza, si consiglia di verificare se successivamente sono state emanate delle nuove norme o disposizioni ministeriali che ne hanno modificato il contenuto e la relativa applicazione. L’autore infatti non è responsabile per l’uso che può essere fatto delle informazioni contenute nel presente sito web.

scelta tra irpef e cedolare secca



Vai su

Riceviamo diverse telefonate da utenti/locatori che ci chiedono consulenza ed assistenza gratuite. Purtroppo non siamo interessati a questa tipologia di consulenza.

Desideri la mia assistenza professionale per stipulare il contratto?
DOCUMENTI necessari per attivare la pratica.
CHIEDI PREVENTIVO per la stipula di un contatto di locazione a cedolare secca.

Questo sito potrebbe utilizzare strumenti software in grado di tracciare l'IP del visitatore, ma unicamente per fornire l'eventuale assistenza in diretta, nonché per motivi statistici e per garantire la sicurezza del sito contro eventuali attacchi informatici. In ogni caso esso viene cancellato nell'arco di 24 ore e non utilizzato per altri scopi.