Cedolare secca

Dal 2011 il sito dedicato alla tassa piatta sugli affitti

stipula contratto di locazione con cedolare seccaSei locatore in procinto di stipulare un contratto di locazione a cedolare secca? Desideri l'assistenza del nostro studio prima della firma del contratto? Nella maggior parte dei casi non si sa neppure cosa si sta per firmare, non si conoscono tutte le clausole oppure alcune non sono neppure inserite nel contratto oppure, peggio ancora, si scarica il primo contratto reperibile online. Intendi esercitare l'opzione per la cedolare secca? Ma è stata inserita la clausola giusta nel contratto?

Desideri lasciarti la possibilità di tornare alla tassazione ordinaria Irpef negli anni seguenti? E' stata inserita la clausola del ritorno alla tassazione IRPEF?

Desideri inserire la clausola risolutiva espressa per la risoluzione del contratto. Hai la sicurezza che è stata inserita nel contratto di locazione?

Desideri cautelarti per l'eventuale svolgimento di attività d'impresa o di lavoro autonomo svolte dal conduttore e non sai se è stata inserita la clausola o meno?

Desideri la mia assistenza professionale per stipulare il contratto?

DOCUMENTI necessari per attivare la pratica.


CHIEDI PREVENTIVO per la stipula di un contatto di locazione a cedolare secca

prenota una consulenza per cedolare seccaSe invece desideri una consulenza in tema di locazioni soggette o non soggette a cedolare secca prenota l'orario via email.
La consulenza viene svolta normalmente tramite skype in audio e video, per chi non possiede questo strumento con whatsapp oppure anche per telefono.

Nessun trasferimento in auto, bus, o metropolitana, nessun parcheggio, nessuna spesa di benzina o gasolio, risparmia il tuo tempo, la consulenza in tema di cedolare secca veramente eco-compatibile, si prenota online e ci si incontra online.

Il costo per la consulenza via skype o telefonica è di € 60.

Se invece si preferisce una consulenza scritta via email, si vada in questa pagina.Dopo aver esaminato il quesito posso proporVi il mio miglior preventivo di onorario.


Contratti

In Area riservata, soggetta al pagamento di un ticket di accesso, potete trovare diversi facsimile di contratti di locazione per uso abitativo con apposita clausola per la cedolare secca.

Aggiornamenti

Le informazioni sul sistema di tassazione denominato cedolare secca contenute nel presente sito sono state predisposte da Studio Polli come ulteriore servizio reso ai nostri clienti. Esse costituiscono solo una introduzione generale alla materia e pertanto si raccomanda di richiedere un parere riferito al concreto caso di specie prima di prendere qualsiavoglia provvedimento basato sulle informazioni qui contenute. Studio Polli declina ogni responsabilità da eventuali provvedimenti presi o non presi sulla base di quanto riportato nel sito.

Consulenza

Il servizio di consulenza on-line è diretto a tutti coloro che necessitano di assistenza su di un caso o su un argomento specifico. Vuoi sapere come predisporre un contratto di locazione con cedolare secca? Sei locatore e hai interesse a sapere se conviene esercitare l'opzione per la cedolare oppure rimanere in tassazione ordinaria? Sei inquilino e desideri sapere se devi pagare imposte sul tuo contratto di locazione in cedolare secca? CHIEDICI COME!! In risposta, nelle 48 ore successive lavorative riceverai via mail il preventivo con l'indicazione dei tempi per l'invio della risposta, tenendo conto della complessità del quesito. Dopo aver consegnato via mail la ricevuta di pagamento, la risposta elaborata verrà consegnata entro 3 giorni lavorativi. La risposta sarà corredata dall'indicazione dei riferimenti normativi, di prassi, di giurisprudenza e di dottrina a supporto della risposta.Richieste di preventivo nella sezione Consulenza.

✂ Riceviamo diverse telefonate da utenti/locatori che ci chiedono consulenza ed assistenza gratuite. Cortesemente, diamo un taglio a queste insistenti richieste....purtroppo non siamo interessati a questa tipologia di consulenza.

Autore

Giuseppe PolliGiuseppe Polli è libero professionista dal 1982, dottore commercialista, ed è l'autore e il gestore del sito www.cedolaresecca.net, presente sulla Rete dal 2011. Assiste molti locatori nella scelta tra tassazione ordinaria IRPEF e tassazione a cedolare secca, nella predisposizione di contratti di locazione con l'apposita clausola per la cedolare secca e in tutti gli adempimenti successivi (cessazione anticipata, proroga dei contratti di locazione soggetti a cedolare secca, revoca dell'opzione per la cedolare secca ecc.).

 

whatsapp per contatto cedolare secca WhatsApp 3339031308 (solo per i clienti dello studio)



il sito dedicato alla cedolare secca sugli affittiLa cedolare secca sugli affitti, in vigore dal 2011, ha prodotto nel corso di questi ultimi anni un interesse sempre più crescente tra i proprietari di immobili destinati alla locazione per uso abitativo, mentre ancora non si intravede uno spiraglio per ampliare la cedolare secca anche alle locazioni per uso commerciale.

Fatemi spiegare in sintesi cos'è la cedolare secca: la cedolare secca è un regime di tassazione sugli affitti facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali e che sottrae le parti dall’obbligo di versare l’imposta di registro e l’imposta di bollo dovute per registrazioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione (ad eccezione di quelle dovute in caso di cessione del contratto).

Il legislatore ha consentito di applicare la cedolare secca anche ai contratti di locazione per i quali non sussiste l’obbligo di registrazione (art. 3, comma 2 D.Lgs. n. 23/2011, locazioni turistiche, ad esempio) ed al riguardo il locatore comunica la sua intenzione di applicare la cedolare secca all’Agenzia delle Entrate direttamente in sede di dichiarazione dei redditi (salvo il caso in cui il locatore, pur non essendo obbligato, provvede alla registrazione del contratto).

Il locatore, per beneficiare del regime della cedolare secca, deve comunicare preventivamente al conduttore, tramite lettera raccomandata oppure con l'inserimento nel contratto di apposita clausola, la scelta per il regime alternativo di tassazione a cedolare secca e la conseguente rinuncia, per il corrispondente periodo di durata dell’opzione, ad esercitare la facoltà di chiedere l’aggiornamento del canone a qualsiasi titolo, anche a titolo di aggiornamento ISTAT.



le sei regole per un contratto a cedolare secca Per favorire le migliaia di locatori che visitano questo sito dedicato alla cedolare secca, abbiamo reso disponibile il facsimile di contratto di locazione con apposita clausola per l'opzione della cedolare secca. Questa tipologia di contratto di locazione rispetta le sei regole fondamentali per una corretta predisposizione.

Conosci le sei regole fondamentali?

I locatori che predispongono contratti a cedolare secca senza l'ausilio di un professionista sono tantissimi, ma sono anche tantissimi gli errori che gli stessi commettono! Sei proprio sicuro di utilizzare un contratto di locazione con cedolare secca predisposto a regola d'arte? Magari hai appena scaricato da Internet il primo che ti è capitato? Senza neppure chiederti se vada bene o meno?







Tantissimi locatori, muovendosi in un campo spesso di difficile interpretazione (quello fiscale), commettono una serie di errori per la scelta tra tassazione ordinaria Irpef e tassazione a cedolare secca.

Chi continua a pagare di più quando invece potrebbe risparmiare con la cedolare secca, chi, invece, opta per la cedolare secca quando dovrebbe rimanere in tassazione ordinaria, chi applica un'aliquota inferiore, chi si dimentica di inviare la raccomandata all'inquilino e tante altre "amenità", insomma, ci sono tantissimi locatori che, pur di non pagare l'assistenza professionale, vanno incontro a successivi maggiori costi per errori e/o omissioni.

errori più comuni per la cedolare secca

Uno degli errori più frequenti commessi dai locatori "fai da te" è stato quello di non comunicare all'Agenzia delle Entrate la proroga del contratto di locazione al termine dei quattro anni (per quelli a canone libero) o al più breve termine per quelli a canone concordato, con la conseguenza che l'opzione per la cedolare secca non si è rinnovata automaticamente. Per ovviare a questa omissione, come importante novità del 2017, per chi ha dimenticato, invece, di confermare la proroga per la cedolare secca trascorsi i primi anni di contratto, il DL 193 del 2016 ha disposto, all'articolo 7-quater, comma 24, che la mancata presentazione del modello RLI relativo alla proroga del contratto non comporta la revoca dell'opzione esercitata in sede di registrazione del contratto di locazione.La conferma del principio del comportamento concludente in caso di proroga del contratto con opzione per la cedolare secca è una novità che viene accolta con grande favore dai locatori distratti e fai da te anche se per la mancata comunicazione della proroga è prevista una specifica sanzione. Continua a leggere.......Per approfondire la tematica della proroga per i contratti soggetti a cedolare secca!





novità cedolare secca

Una prima importante novità 2017 è la possibilità di usufruire dell'aliquota agevolata del 10% anche in caso di contratti transitori stipulati nei Comuni con carenze di disponibilità abitative o in quelli ad alta tensione abitativa, come precisato dall'Agenzia delle Entrate in occasione di Telefisco 2017.

Una seconda importante novità 2017 è costituita dal fatto che il versamento della cedolare secca segue lo stesso meccanismo di versamento dell’IRPEF e, quindi, la cedolare secca è versata a saldo e acconto non più il 16 giugno ma rinviata al c.d. "tax day" ossia il 30 giugno senza soprattassa. I codici tributo per il versamento della cedolare secca e come pagare gli acconti 2017 della cedolare secca.Il saldo 2016 e gli acconti 2017 della cedolare secca: la circolare 8/E del 7 aprile 2017 Agenzia delle Entrate, a pagina 29, ha infatti confermato che la nuova scadenza del 30 giugno 2017 riguarda anche gli acconti dovuti per la cedolare secca nonché il versamento del saldo 2016.

La terza novità 2017 è che sulla Gazzetta Ufficiale n. 62 del 15 marzo 2017 è stato pubblicato il Decreto del Min. Infrastrutture e Trasporti del 16 gennaio 2017 contenente i criteri generali per la realizzazione degli accordi da definire in sede locale per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato, ai sensi dell'articolo 2, comma 3, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, nonché dei contratti di locazione transitori e dei contratti di locazione per studenti universitari. Dopo molti anni sono così cambiate alcune regole fondamentali per la stipula dei contratti di locazione a canone concordato o convenzionato. Tra le principali novità si sottolinea la possibilità di stipulare contratti a canone concordato in qualunque Comune, quindi non solo nei Comuni capoluoghi o in quelli ad alta tensione abitativa i locatori hanno d'ora in avanti la possibilità di stipulare contratti concordati, sottoponendoli alla cedolare secca ad aliquota agevolata del 10%.

cedolare secca su locazioni brevi La quarta novità 2017 consiste conversione in legge (legge 96/2017) del D.L. n. 50 del 24 aprile 2017, in cui, all'articolo 4, si dispone che a decorrere dal 1° giugno 2017, ai redditi derivanti dai contratti di locazione breve stipulati a partire da tale data si applicano le disposizioni relative alla cedolare secca con l'aliquota del 21 per cento in caso di opzione.A tale proposito, in attesa di chiarimenti ufficiali su come applicare la cedolare secca alle locazioni brevi, si legga questo approfondimento.
All'interno del sito potete trovare informazioni sulle locazioni brevi nella sezione CONTRATTI ma più velocemente in questa pagina.


Cedolaresecca.net ha aperto anche una pagina ad hoc anche su Facebook, dove è possibile discutere con altri utenti sulle problematiche dei contratti di locazione soggetti a questo tipo di tassazione sostitutiva.


facsimile contratto locazione canone liberoScarica in Area riservata il facsimile di un contratto di locazione a canone libero 4+4, con apposita clausola per la cedolare secca. Uso bollo, facile da modificare, in formato © Word.

cedolare secca facsimile 4+4

















facsimile contratto di locazione concordatoScarica in Area riservata il facsimile di un contratto di locazione concordato 3+2 predisposto in base all'allegato A del decreto interministeriale del 16 gennaio 2017, con apposita clausola per la cedolare secca. Uso bollo, facile da modificare, in formato © Word.

I contratti a canone concordato sono conosciuti anche come contratti 3+2 in quanto hanno una durata minima di anni 3 (quella più utilizzata nella pratica, ma si possono stipulare anche come 4+2 o 5+2) e possono essere prorogati nella misura massima di 2 anni. Godono di una tassazione agevolata anche nel caso di opzione per la cedolare secca (al 10% fino al 2017 salvo proroga).









Clausola cedolare secca, clausola risolutiva espressa, clausola ritorno a tassazione ordinaria, clausola no impresa o professione.





facsimile contratto locazione transitorioScarica in Area riservata il facsimile di un contratto di locazione transitorio predisposto in base all'allegato B del decreto interministeriale del 16 gennaio 2017, con apposita clausola per la cedolare secca. Uso bollo, facile da modificare, in formato © Word.

La cedolare secca, infatti, può essere utilizzata dal locatore anche nei contratti di locazione transitori disciplinati prima dal Dm 30 dicembre 2002 e successivamente a decorrere dal 15 marzo 2017, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n.62, dal decreto interministeriale del 16 gennaio 2017. Sono state introdotte sostanziali modifiche a tale tipologia di contratto che ha una durata massima fino a 18 mesi e per la cui predisposizione occorre che il locatore presti molta attenzione se non vuole incorrere nell'inadempimento di stipula. Continua a leggere......





scelta tra irpef e cedolare seccaE' stato verificato che spesso si adotta la soluzione della cedolare secca con troppa superficialità. Ad esempio è ormai diffusa la convinzione che la cedolare secca sia sempre conveniente soprattutto nei contratti concordati la cui aliquota è del 10%.
Ma ne siamo proprio sicuri? Chiaro che sapendo che l’aliquota della cedolare secca è il 10% mentre l’aliquota minima Irpef è il 23% la risposta dovrebbe essere "certo che conviene!!"

Ma vale la pena analizzare tutte le conseguenze della frettolosa scelta per il regime della cedolare secca piuttosto che la tradizionale tassazione Irpef. Ad esempio la detrazione d'imposta per il coniuge o un figlio fiscalmente a carico con l'opzione per la cedolare secca sarebbe persa così come la detrazione delle spese mediche, dei lavori di ristrutturazione o di altre detrazioni.

Bisogna verificare inoltre se optando per la cedolare secca si va a superare la soglia per l’esenzione dei ticket! Vale la pena fare controllare la vostra posizione prima di accorgervi troppo tardi che state pagando imposte più del dovuto.

Continua a leggere.....



Dello stesso Autore ti potrebbe anche interessare:

Che cos'è la cedolare secca, una sintesi delle caratteristiche della cedolare secca, la tassa piatta sugli affitti.

Per comprendere le divergenze tra tassazione Irpef e tassazione cedolare secca.

Tema molto attuale: la riduzione del canone di locazione soggetto a cedolare secca.

In tema di cedolare secca il comma 5 dell'articolo 3 del Dlgs 23/2011 prevede il raddoppio della sanzioni amministrative attualmente in vigore......Continua a leggere

La registrazione del contratto di locazione, con le nuove regole previste dalla Legge di stabilità 2016.

Le aliquote della cedolare secca, una panoramica delle aliquote vigenti della cedolare secca a seconda della tipologia di contratto. Per i contratti di locazione a canone concordato è possibile applicare l'aliquota agevolata del 10% per la cedolare secca, la cosa si presenta molto interessante nei Comuni ad alta tensione abitativa che hanno aggiornato gli accordi territoriali. Ecco la lista dei Comuni ad alta tensione abitativa.


Tutte le FAQ in materia di cedolare secca

attestato prestazione energetica obbligatorio anche per i contratti di locazione con cedolare seccaAPE: chi compra o affitta una casa, anche in tassazione a cedolare secca, ha diritto di ricevere, per legge, dal proprietario o dal locatore l'Attestato di prestazione energetica che è un documento che sintetizza il comportamento energetico dell'immobile, vale dieci anni e viene redatto da un tecnico abilitato, il certificatore energetico che, dopo aver raccolto i dati di input in sede di sopralluogo, li elabora tramite una procedura di calcolo. In base ai risultati ottenuti, all'immobile viene attribuita una classe di merito che ne sintetizza le prestazioni energetiche.




Area riservata

Questo sito, dedicato in via esclusiva alla cedolare secca sugli affitti, è privo di pubblicità di terzi, conformemente alle norme deontologiche dell'Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili, ma contiene un'Area riservata a cui l'utente può accedere con il pagamento di un ticket per diritto di autore, al pari per l'acquisto di un libro, software e di altre opere dell'ingegno.
Elenco completo degli argomenti, formulari ed altro in tema di cedolare secca inseriti nell'area riservata del sito.

consulenza per la cedolare secca sugli affitti

Prima di rischiare di commettere errori che costano caro da un punto di vista fiscale, sappiate che potete contare sulla mia assistenza professionale nella predisposizione dei contratti di locazione con cedolare secca o a tassazione ordinaria o nella gestione fiscale dei redditi da locazione.
Chiedete il mio migliore preventivo.

In ogni caso prima di decidere se optare o meno per la cedolare secca, date un'occhiata a questo approfondimento in tema di convenienza per la scelta di tale sistema di tassazione.

Leggi